Consulenza gestione Alimentare delle specie non convenzionali

Oggigiorno si sente sempre più spesso parlare di “medicina preventiva”. Ma che cosa vuol dire? La medicina preventiva mira a prevenire l’insorgenza di condizioni patologiche o, eventualmente, alla loro diagnosi in fase iniziale, prima dello sviluppo di segni clinici più gravi o di ulteriori complicanze. Negli animali non convenzionali un’importante fetta di patologie vede alla base una gestione inadatta alle esigenze della specie. 

…Quindi?

Quindi l’insorgenza di numerose patologie può essere prevenuta tramite una corretta gestione dell’animale in cattività. Un animale ben stabulato in casa è un animale che ha una probabilità maggiore di vivere più a lungo, e di farlo in ottimo stato di salute. E chi può essere il miglior consulente in materia di alimentazione e gestione, se non il proprio veterinario di fiducia? 

Per ogni prima visita del vostro animale domestico verrete indirizzati dal nostro team specializzato. I nostri medici sono in continuo aggiornamento e si affidano anche all’esperienza di figure professionali quali educatori e comportamentalisti per consigliare solo il meglio per il benessere psicofisico dei vostri pet. Vi verranno fornite schede informative sull’alimentazione, sull’arricchimento ambientale, o sull’allestimento di gabbie, recinti o stanze dedicate. Vi verrà spiegato come, facendo attenzione ad alcuni elementi, potrete prevenire l’insorgenza di determinate patologie e il perché. 

Lo sapevi che…

  • I conigli possono sviluppare problematiche dentali legate ad un’alimentazione inadatta? I denti dei lagomorfi sono a crescita continua: le fibre lunghe sono essenziali poiché stimolano una masticazione prolungata, favorendo il consumo dei denti e prevenendo patologie dentali quali ad esempio la malocclusione. Sono inoltre necessarie per un buon funzionamento dell’apparato gastrointestinale in toto. 
  • Anche gli uccelli possono soffrire di arterosclerosi? Ci sono specie di pappagalli più predisposte di altre. Una buona alimentazione, adattata allo stile di vita del vostro animale e alla sua specie, può prevenire drasticamente l’insorgenza di questa patologia.
  • Le tartarughe (acquatiche o terrestri) possono addirittura morire a causa della carenza di elementi essenziali per il loro metabolismo, come Calcio e Vitamine? Nei rettili più che per ogni altro animale non convenzionale, un’errata stabulazione può essere letale. Non si tratta, infatti, di far attenzione soltanto alla dieta, ma anche a tutti quegli elementi che consentono a questi animali di metabolizzare quanto ingerito! Bisogna fare attenzione anche alle lampade e/o alla luce solare, alla temperatura, o ai substrati utilizzati.
  • I criceti sono animali solitari, se tenuti in gruppo o coppia possono litigare fino a uccidersi? In natura i criceti sono animali estremamente territoriali, maschio e femmina si incontrano solo al fine della riproduzione e prendono ben presto strade separate. 
  • Anche i pappagalli si annoiano? È importante allestire la gabbia e gli ambienti condivisi in modo tale da poter permettere a ogni specie l’espressione di una serie di comportamenti naturali volti a occupare la giornata. In natura i pappagalli si spostano di continuo, cercando gli alimenti non solo sugli alberi, ma anche fra il fogliame. Permettere di ricreare la stessa attività in casa potrebbe consentire di prevenire una serie di problematiche comportamentali legate alla noia e, successivamente, allo stress. 
  • I conigli sono animali notturni, e non devono vivere in gabbia? Sono animali crepuscolari e parecchio attivi anche di notte, devono potersi esprimere, muoversi e sfogare anche mentre noi dormiamo. Questo consente di diminuire il livello di stress e prevenire l’obesità. 

Pronto soccorso per tutti gli animali esotici

La maggior parte dei nostri pazienti è una preda in natura, e come tale è brava a mascherare qualsiasi segno di patologia: riconoscere segni di malessere può essere difficile, finché la situazione non è così grave che l’animale non è più in grado di nasconderlo. Molte specie sono inoltre estremamente delicate, e la condivisione dei nostri spazi in casa li espone a rischio schiacciamento, intossicazione, ferite da morsi di altri animali domestici, ustioni…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSCF1224-1024x683.jpg
Alcune delle unità per ricoverare animali esotici instabili all’interno del nostro ospedale

Talvolta, la vita dell’animale è in bilico fra la vita e la morte e il paziente necessita di un immediato intervento terapeutico. A tal fine il nostro team offre un servizio di Pronto Soccorso, con quanto necessario per stabilizzare la condizione clinica del vostro pet in situazioni di emergenza.

La presenza di un laboratorio interno permette di effettuare istantaneamente una serie di esami necessari a inquadrare il problema principale e, dunque, correggere le principali alterazioni mediante macchinari dedicati.
La nostra clinica inoltre è predisposta di una sala di degenza dedicata alle specie non convenzionali in cui è possibile accogliere l’animale instabile all’interno di unità ICU con temperatura umidità e ossigenzaione controllata.
Superata la fase critica, il servizio di Medicina d’Urgenza degli animali non convenzionali si occuperà di approfondire la causa scatenante, avvalendosi della diagnostica per immagini o di altri esami collaterali altamente specializzati.

Se ritenete che il vostro animale sia in uno stato di emergenza non esitate a contattarci!

Prima visita e vaccinazione

La prima visita di un cucciolo di coniglio costituisce un momento fondamentale per la vita e la futura gestione del nuovo arrivato.

La prima visita oltre alla finalità di valutare lo stato di salute del nuovo pet è momento indispensabile per instaurare un rapporto di fiducia tra proprietario, animale domestico e veterinario specializzato. Oltre alla compilazione di un primo libretto vaccinale, verranno proposte indicazioni e consigli gestionali per promuovere il miglior benessere e migliore inserimento del nuovo pet in famiglia e suggerire linee guida per prevenire le più frequenti patologie.

Il veterinario sarà a disposizione per rispondere a domande e dubbi sull’alimentazione gestione e pianificazione medico sanitaria (castrazione/sterilizzazione).

Dopo la prima visita il veterinario oltre a rilasciare libretto vaccinale invierà scheda visita in formato .pdf che sarà inviata via whatsapp dando modo modo al cliente di poter contattare il medico in caso di dubbi o necessità. La prima visita costituisce un momento di interazione tra medico animale e proprietario che è alla base del benessere futuro del soggetto. Durante una prima visita vengono valutate la presenza di patologie preesistenti, di difetti predisponenti, e vengono generalmente eseguiti esami parassitologici delle feci. E’ quindi buona norma ricordarsi di portare un piccolo campione di feci in un barattolino o carta stagnola. Quando possibile, se l’età e lo stato di salute del soggetto lo consentono, viene cominciato il protocollo vaccinale nelle specie in cui questo è previsto come Furetti e Conigli.

Per tutte le specie è comunque importante instaurare un programma sanitario di prevenzione che comprende trattamenti preventivi e visite di controllo semestrali o annuali.

Visite specialistiche per conigli, piccoli mammiferi e rettili

Come è ormai noto a tutti la medicina veterinaria del cane e del gatto è molto differente da quella delle specie non convenzionali. Oggi chi possiede un animale “esotico” deve cercare un riferimento medico specialistico e soprattutto dedicato alla specie in possesso.

Fino ad alcuni anni fa era piuttosto insolito trovare veterinari esperti di specie non convenzionali e troppo spesso veniva sottovalutata l’importanza di sottoporre il proprio coniglio la propria tartaruga o il proprio pappagallo ad un veterinario esperto. Oggi in seguito all’evoluzione della medicina specialistica in genere, e grazie alla grande diffusione di queste specie come nuovi animali da compagnia, sono sempre più richiesti competenza specifica e prestazioni mediche di alto livello. Di conseguenza è raro che veterinari generici abituati a trattare cani e gatti si improvvisino a fornire assistenza su specie diverse sottovalutando il grande valore e la grande diversità di questi pazienti

. Per “visita specialistica” intendiamo una accurata visita clinica eseguita da medici con alto livello di specializzazione e dedizione nei confronti di queste specie. Sottoporre un coniglio ad una vaccinazione per alcuni può essere interpretato come la semplice esecuzione di un’iniezione. Questa visione è erronea e pericolosa. La differenza tra l’occhio clinico di chi da anni ha a che fare con animali non convenzionali e quello di chi tratta pazienti ordinari è la somma di un’infinità di dettagli che solo chi conosce è in grado di percepirne l’importanza.

Le specie non convenzionali sono davvero tante ed ognuna di queste necessita di condizioni ambientali e gestionali diverse. La manipolazione la gestione clinica e l’epidemiologia varia da specie a specie.
Durante una visita specialistica la prima fase è la raccolta accurata di informazioni anamnestiche che sono fondamentali, per il medico esperto, nel predire il tipo di paziente, le diagnosi differenziali da considerare ed altri dettagli ancor prima di procedere alla visita clinica.

SOSTITUIRE!

La finalità di una visita specialistica completa non si limita alla valutazione del paziente, all’individuazione delle diagnostiche utili per raggiungere la diagnosi e predisporre la terapia per la cura; la visita in se è un momento importante di scambio in cui il veterinario esperto cerca di individuare le esigenze del paziente e del cliente, e di conferire una serie di nozioni e consigli inerenti la gestione il benessere ed una felice convivenza tra proprietario ed animale.

Visite e Check-up di tutte le specie aviari

Come avviene la visita di un uccello nella nostra clinica?

La visita di un paziente Aviare, che sia un piccolo passeriforme un falco o un pappagallo costituisce il primo insostituibile passo del percorso diagnostico. La visita è il momento in cui il veterinario inquadra il caso ed il proprietario ha modo di descrivere e raccontare la storia dell’animale. L’anamnesi è infatti fondamentale, e viene inserita in modo schematico nella cartella clinica digitale che rimarrà nel nostro archivio: ogni qualvolta quel paziente sarà di nuovo presentato a visita, il medico conoscerà già la sua storia. Molto spesso una prima visita è anche il momento in cui i proprietari acquisiscono nozioni ed informazioni utili ad una corretta gestione del nuovo soggetto adottato. Non è raro che i clienti si presentino con una lista di domande da rivolgere al veterinario. Nulla di più corretto. Meglio una domanda in più che un errore futuro nella gestione. In fondo come diciamo spesso ai nostri clienti: “siamo qui per questo”. Non solo per visitare i pazienti, ma per contribuire in senso più generale al loro benessere, anche informando il proprietario. Come è noto tutti gli uccelli hanno la tendenza a nascondere i segni di malattia ed è per questo che i sintomi clinici sono spesso limitati e poco specifici. Spesso i clienti una volta in sala visita, tendono a voler estrarre subito il proprio animale dalla gabbia o dal trasportino per mostrarlo al medico. Non bisogna avere fretta. Mentre il veterinario ascolta o fa domande al proprietario, osserva con la coda dell’occhio il paziente. Sta gia raccogliendo informazioni e dettagli importanti sulla postura sull’aspetto e l’atteggiamento che non potrà valutare più dopo la sollecitazione e l’eventuale contenimento.

Ogni animale visitato viene attentamente valutato, pesato, fotografato così da completarne la scheda clinica. La visita vera e propria avviene previa contenimento del soggetto. La cattura e la manipolazione del pennuto vengono effettuate con maestria ed esperienza in modo da rendere l’esperienza del paziente meno stressante possibile. Ovviamente questa fase varia da caso a caso. L’approccio ad un pappagallo cenerino proveniente da una voliera da riproduzione sarà diverso da quello di un soggetto che si trova rilassato sulla mano del proprietario. Una volta preso in mano (con un telo una traversina o della carta) il medico effettua la vera e propria visita. Questo momento viene appositamente eseguito in tempi brevio per diminuire al massimo lo stress. Ma in quei brevi istanti vengono valutati tantissimi aspetti clinici fondamentali come lo stato di nutrizione, la consistenza dell’addome lo stato del piumaggio il colore delle mucose e così via.

A questo punto, una volta chiari gli aspetti sia anamnestici che clinici, saremo in grado di proporre se e quali esami o diagnostiche siano appropriate ed utili al caso.

Al termine di ogni consulto medico, tutte le informazioni i dati clinici insieme con gli eventuali risultati di diagnostiche ulteriori come radiografie ed analisi vengono aggiornate nell’archivio e nella scheda clinica che viene poi inviata tramite email o tramite whatsapp direttamente al proprietario.

La visita di un uccello è cosa completamente diversa da quella di un cane un gatto o un altro mammifero. Per questo pensiamo che solo veterinari molto esperti e con esperienza in medicina aviare possano prendersi cura di questi pazienti così diversi ed esigenti.

Visite domiciliari per volatili difficili da trasportare

Vantaggi e svantaggi

La visita a domicilio non è di per se conveniente. Il professionista che si sposta per andare a casa del cliente deve lasciare la sede di lavoro per diverso tempo e questo ha inevitabilmente un impatto economico maggiore. Inoltre, di solito, le possibilità diagnostiche a casa sono più limitate.

Sappiamo benissimo che nel caso degli uccelli, così come in tutti gli animali esotici, gli esami diagnostici sono fondamentali e limitarsi ad una visita clinica raramente è sufficiente. Il risultato per il cliente è che la visita è molto più costosa ed il livello diagnostico minore. Inoltre, se non si tratta di una semplice visita di controllo ma l’animale sta male, è ancora più controindicato e rischioso.

Beh, esiste ovviamente anche qualche vantaggio tipo quello di non dover spostare /stressare l’animale e quello di poter mostrare di persona al medico l’habitat in cui il soggetto vive. Se il motivo che spinge a richiedere una visita a domicilio è l’incapacità da parte del proprietario di spostare l’animale in un trasportino allora…diciamo che non è un buon motivo. Vi consigliamo di leggere l’articolo a riguardo LINK(Come portare il mio pappagallo dal veterinario ).

Servizi offerti

Alcuni clienti, nonostante tutto, preferiscono ricevere un primo consulto a casa, per poi eventualmente portare in clinica il proprio animale in un secondo momento. Tra i nostri servizi sono quindi previste le visite a domicilio. Ovviamente non si tratta di visite d’emergenza o dell’ultima ora (in questi casi deve essere portato l’animale in struttura!), ma di appuntamenti presi con anticipo.

Essendo il nostro servizio organizzato per lavorare presso parchi e allevamenti, potenzialmente, abbiamo tutte le attrezzature per poter eseguire una visita completa con accertamenti diagnostici direttamente a domicilio. Stiamo parlando di quello che definiamo visita a domicilio attrezzata. 

Lo spostamento in sede di attrezzature mediche avanzate rende questo servizio molto costoso per il cliente, pur permettendoci effettivamente di offrire un’attività medica e clinica paragonabile a quella che si esegue in clinica. Il medico verrà presso il vostro domicilio attrezzato di tutto il necessario per visita e accertamenti: microscopio per analisi delle feci ed altre analisi, radiologia digitale diretta, anestesia gassosa varie ed eventuali. Se volete saperne di più o chiedere altre informazioni riguardo a questo servizio contattaci!

Visite e consulenze in Allevamento per le specie aviari

Perché richiedere una visita in allevamento?

La gestione di un gruppo di volatili, che sia una grande voliera un allevamento o una collezione, è cosa completamente diversa dalla gestione medica di un singolo soggetto da compagnia. Mentre un pappagallo un falco o un canarino pet vengono portati in clinica per le visite di routine o in seguito alla manifestazione di sintomi clinici, diverso è l’approccio medico per chi possiede decine di volatili. Per gli allevatori o le collezioni di parchi e centri zoologici proponiamo un servizio diverso. Grazie alle nostra attrezzature siamo in grado di portare sul posto non solo la nostra professionalità e competenza, ma anche tutto ciò che può essere utile al raggiungimento di una diagnosi, proprio come se ci trovassimo in clinica.

Servizi offerti

Direttamente sul posto siamo in grado di proporre i servizi:

  • Visite e consulenze
  • Esami al microscopio
  • Anestesia gassosa
  • Radiologia digitale diretta
  • Endoscopia
  • Analisi del sangue

Le nostre strumentazioni ci consentono di fornire un servizio in sede paragonabile a quello offerto in struttura. Abbiamo creduto in questo approccio proprio perché la medicina preventiva è alla base del benessere e del successo riproduttivo di una collezione di animali che, inevitabilmente, non possono essere trasportati in clinica.

*inserisci foto di te vicino a voliere in allevamento*

Medicina preventiva

Attraverso la pianificazione di interventi in sede, scadenzati nei periodi in cui non si interferisce con la riproduzione è possibile monitorare e tenere sotto controllo la salute degli animali, nonché approfondire i casi in cui si hanno sospetti clinici o insuccessi riproduttivi. Negli allevamenti che hanno già effettuato un controllo di base gran parte del lavoro veterinario si svolge sulla quarantena, su i nuovi arrivi e sui nuovi nati.

Siamo dell’idea che la medicina preventiva sia una risorsa impagabile che troppo spesso viene sottovalutata dagli allevatori soprattutto alle prime armi: più disponibili ad investire su l’acquisto di nuovi soggetti piuttosto che sulla salvaguardia e produttività dei soggetti già in possesso. Solo apparentemente acquistando nuovi soggetti si incrementa il valore della collezione, se prima non si è svolta una corretta gestione del patrimonio già in possesso.

Contattaci e richiedi un sopralluogo per programmare la gestione medica del tuo allevamento!

Visite specialistiche di tutte le specie Aviari

Come avviene la visita di un uccello nella nostra clinica?

La visita di un paziente aviare, che sia un piccolo passeriforme, un falco o un pappagallo, costituisce il primo insostituibile passo del percorso diagnostico. La visita è il momento in cui il veterinario inquadra il caso ed il proprietario ha modo di descrivere e raccontare la storia dell’animale.

Anamnesi

L’anamnesi è infatti fondamentale, e viene inserita in modo schematico nella cartella clinica digitale che rimarrà nel nostro archivio: ogni qualvolta quel paziente sarà di nuovo presentato a visita, il medico conoscerà già la sua storia. Molto spesso una prima visita è anche il momento in cui i proprietari acquisiscono nozioni ed informazioni utili ad una corretta gestione del nuovo soggetto adottato.

Non è raro che i clienti si presentino con una lista di domande da rivolgere al veterinario. Nulla di più corretto: meglio una domanda in più che un errore nella futura gestione. In fondo come diciamo spesso ai nostri clienti: “siamo qui per questo”. Non solo per visitare i pazienti, ma per contribuire al loro benessere, anche informando il proprietario. Come è noto tutti gli uccelli hanno la tendenza a nascondere i segni di malattia ed è per questo che i sintomi clinici sono spesso limitati e poco specifici. I proprietari tendono a voler liberare subito il proprio animale dalla gabbia o dal trasportino per mostrarlo al medico. Non bisogna avere fretta!

Mentre il veterinario ascolta e fa domande al proprietario, sta già osservando con la coda dell’occhio il paziente, raccogliendo informazioni e dettagli importanti sulla postura, sull’aspetto e l’atteggiamento che non potrà valutare più dopo la sollecitazione e l’eventuale contenimento. Ogni animale visitato infatti viene attentamente valutato, pesato e fotografato così da completarne la scheda clinica.

Visita clinica

La visita vera e propria avviene previa contenimento del soggetto. La cattura e la manipolazione del pennuto vengono effettuate in modo da rendere l’esperienza del paziente meno stressante possibile. L’approccio al contenimento sarà personalizzato in base all’indole e alla sensibilità del soggetto. Una volta preso in mano (con un telo una traversina o della carta) il medico effettua la vera e propria visita. In tempi brevi, per diminuire al massimo lo stress, vengono valutati tantissimi aspetti clinici fondamentali come lo stato di nutrizione, la consistenza dell’addome lo stato del piumaggio il colore delle mucose e così via.

Approfondimenti diagnostici

Una volta chiari gli aspetti sia anamnestici che clinici, saremo in grado di proporre gli esami e le diagnostiche più appropriate ed utili al caso.

Al termine di ogni consulto medico tutte le informazioni, i dati clinici, i risultati delle analisi vengono aggiornate nell’archivio e nella scheda clinica che viene poi inviata tramite email o tramite whatsapp direttamente al proprietario.

La visita di un paziente aviare è completamente diversa da quella di un cane un gatto o altro mammifero. Per questo pensiamo che solo veterinari molto esperti e con esperienza in medicina aviare, possano prendersi cura di questi pazienti così diversi ed esigenti.